Auto ibride: vantaggi e svantaggi

Perché comprare un’auto ibrida?

In questi ultimi anni molte case automobilistiche stanno lavorando instancabilmente sulle auto ibride, con lo scopo di produrre nuovi modelli sempre più performanti e tecnologici. Questo perché, insieme alle auto elettriche, le vetture ibride sembrano rappresentare, grazie alle ridotte emissioni di CO2, un futuro più ecologico, al quale si sta iniziando a guardare con molta attenzione. Ma perché acquistare un’auto ibrida? Quali sono i vantaggi e i conseguenti svantaggi?

 

Perché comprare un’auto ibrida?

In questi ultimi anni molte case automobilistiche stanno lavorando instancabilmente sulle auto ibride, con lo scopo di produrre nuovi modelli sempre più performanti e tecnologici. Questo perché, insieme alle auto elettriche, le vetture ibride sembrano rappresentare, grazie alle ridotte emissioni di CO2, un futuro più ecologico, al quale si sta iniziando a guardare con molta attenzione. Ma perché acquistare un’auto ibrida? Quali sono i vantaggi e i conseguenti svantaggi?

Cosa sono le auto ibride e come funzionano?

Con auto ibrida si intendono tutte quelle vetture dotate di almeno due sistemi di propulsione che lavorano insieme. I sistemi di propulsione possono essere di diversa natura, ma l’accoppiata più comune, e quella su cui ultimamente si sta lavorando maggiormente, è quella fra motore elettrico e motore termico. Pertanto, quando si parla di motore ibrido, solitamente si fa riferimento a questa tipologia.

I due motori delle auto ibride, come anticipato, lavorano sinergicamente: nello specifico il motore elettrico, solitamente, lavora in fase di frenata immagazzinando energia e utilizzandola per ricaricare le batterie, utili poi per la fase di partenza o di marcia. Infatti, il motore elettrico può supportare quello termico, oppure escluderlo completamente consentendo (per quanto permesso dal modello di auto) tratti di guida con utilizzo esclusivo del motore elettrico.

Le auto ibride possono essere:

  • Mild hybrid: il motore elettrico fa da alternatore nelle fasi di accelerazione e le sue batterie vengono ricaricate in fase di andamento costante o frenata;
  • Full hybrid: motore elettrico e motore termico lavorano simultaneamente. È però possibile viaggiare con utilizzo del solo motore elettrico, anche se solitamente per un numero limitato di chilometri;
  • Plug-in hybrid: motore termico e motore elettrico possono essere usati in maniera alternativa. Il motore elettrico ha un’autonomia maggiore rispetto a quello delle vetture full hybrid e le batterie (oltre che in fase di frenata) possono essere ricaricate tramite un cavo di ricarica come avviene per le auto completamente elettriche.

I vantaggi delle auto ibride

Il primo vantaggio dell’acquisto di un’auto ibrida è facilmente intuibile: inquina meno. Infatti, il semplice fatto di non utilizzare unicamente un motore a combustione fa si che le auto ibride producano meno CO2, risultando quindi più ecologiche. In un momento storico come questo, è una caratteristica da non sottovalutare in quanto si sta sempre più lavorando su soluzioni green e la mobilità rappresenta un punto di partenza decisamente importante.

A questo si lega il secondo vantaggio delle auto ibride, l’aspetto economico: sono previsti incentivi sull’acquisto e agevolazioni fiscali: ad esempio, non si paga il bollo per il primo anno e vi sono sconti (che dipendono dalle regioni) su parcheggi e ingressi in zona ZTL.

Inoltre, sono il compromesso ottimale per chi vive in zone dove la mobilità elettrica è ancora impossibile. Si pensi, ad esempio, a piccoli paesi dove non vi sono colonnine pubbliche per la ricarica, oppure a qualcuno che, seppur vivendo in una città ben servita, non possieda un parcheggio privato dove installare un sistema di ricarica da usarsi durante la permanenza a casa. Le auto ibride, in questo senso, sono la scelta perfetta perché non necessitano di essere ricaricate (le plug-in possono esserlo in maniera più occasionale), ma permettono comunque di consumare meno carburante rispetto a un’auto ad alimentazione tradizionale.

Gli svantaggi delle auto ibride

Il primo fattore che può essere percepito come negativo è indubbiamente il prezzo. Infatti, le auto ibride risultano avere un prezzo di listino superiore a quello ad alimentazione tradizionale. Nel momento in cui si prende una decisione, però, bisogna considerare anche gli incentivi statali e le agevolazioni di cui sopra; inoltre, è bene tener conto del fatto che, lavorando con due motori, l’auto consuma meno carburante, per cui si riducono sensibilmente le spese per il rifornimento.

In secondo luogo, proprio per via delle tecnologie innovative e avanzate, è necessario trovare un meccanico adatto, che sia esperto anche in questa tipologia di motori: è possibile che non tutte le officine siano preparate a lavorare su un’auto ibrida di ultima generazione. È anche vero, però, che come le case automobilistiche stanno lavorando su questi nuovi modelli, anche gli addetti al service si stanno adoperando per mantenersi al passo con i tempi.

Infine, non tutte le auto ibride sono ottimali sulle lunghe percorrenze poiché, montando un motore a combustione più piccolo rispetto alle auto ad alimentazione tradizionale, sulle lunghe percorrenze tendono a perdere i vantaggi tipici delle auto ibride, dal momento che utilizzano solo il motore termico, e rischiando di consumare più carburante. Se, però, le distanze percorse nel quotidiano sono medio-brevi e si svolgono lunghi viaggi con minore frequenza, questo problema non sussiste.


In definitiva le auto ibride sono una soluzione ottimale sia dal punto di vista della praticità, sia dal punto di vista economico che sul piano dei consumi e dell’inquinamento. I modelli, ormai, presentano un’ampissima scelta, anche nell’usato
 

Se sei in cerca di altre informazioni leggi i nostri articoli su Das WeltAuto per restare sempre aggiornato sul mondo dell’automotive.